io vivo in un mondo pieno di gente che finge di essere quella che non è, ma quando parlo con te sono come voglio essere

sabato 31 dicembre 2011

mercoledì 28 dicembre 2011

Strozzati Ponti

Leggo gli aggiornamenti del fatto quotidiano, trovo questo tratto dal blog del sign Marco Ponti e mi incazzo!  Ma incazzo veramente tanto. Non voglio andare ad analizzare quante oscenità riesce a scrivere , ammetto che alcune cose le condivido, ma il resto è pura fantasia.
Non solo veniamo privati di un servizio, siamo costretti a subire costi e disagi maggiori.
Prendiamo l'aereo? Ok muniamoci di macchina o altri mezzi di trasporto, sempre che siano compatibili con gli orari dei voli, maciniamo km prima di giungervi, personalmente impiego un ora per arrivare all'aeroporto più vicino, paghiamo il parcheggio per l'automobile, che a volte , visto che sei munito di biglietti low coast ,supera l'importo del volo. Se hai culo riesci a raggiungere l'aeroporto con il treno, sempre che poi trovi il servizio navetta dalla stazione al terminal, perchè miei cari a volte è successo che i 2 km te li devi fare a  piedi, o in taxi, certo perchè non è che puoi trascinarti dietro le valigie per due km e con l'altra tenere l'ombrello, se sei in inverno, guardando di continuo l'orologio per controllare l'ora!
Prendiamo l'autobus? Benone non ci sono problemi ci sono servizi giornalieri per la maggior parte delle città italiane a parte le ore costretti a restare immobili , nulla di chè si sopporta tutto nella vita.
I problemi sorgono in entrambi i casi perchè in realtà sei costretto a partire un giorno prima, arrivare a destinazione subire il costo di un pernottamento in più e scassarsi le palle perchè in quelle ore non hai un cavolo da fare.
Non si parla di gente che si sposta per andare in vacanza, ma di persone costrette a farlo per lavoro , di persone che purtroppo per motivi di salute devono recarsi in altre regioni, non è quell'idillio di cui il signor Ponti parla.
Mio marito si sposta tra centro e sud per lavoro, ora è costretto a partire un giorno prima .
Se io come amo fare mi voglio regalare due giorni per visitare posti nuovi, sono costretta  apartire la mattina, o il pomeriggio se prendo l'aereo, arrivare  e andare direttamente in albergo, insomma un giorno sprecato in viaggio, mentre prima  mi prendevo il mio treno, dormivo e scendevo pronta  per la prima giornata di tour.
Sono incazzata , incazzata nera, vabbè se mi passa torno per gli auguri per il 2012 .
Che gli vada di traverso il primo cucchiaio di lenticchie a chi so io.


Signor Ponti oggi 30/11/2011 ho letto questo

giovedì 22 dicembre 2011

Dolce Natale....cioccolato ovunque ...ma non era pasqua quello del cioccolato? bo

Come da tradizione oggi ho preparato alcuni dolcini natalizi....però di natalizio i miei dolci hanno poco.
Avrei dovuto preparare gli struffoli, ma a casa mia non li mangiano, avrei dovuto preparare il croccante ma francamente anche questo non è che ai miei piaccia molto. Quindi preparo cosette golose che so saranno di loro gradimento.

Fagottini o in dialetto calabrese cassatedde, con sfoglia alla ricotta ripieni di nutella
300 gr ricotta
300 di farina
200 di burro
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito
Impastare, mettere in frigo per mezz'ora, stendere e riempire con nutella o marmellata, infornare temperatura media finchè si dorano

Coccole con mandorle e cioccolato fondente
150  gr di ricotta
7 cucchiaia di latte
7 cucchiaia di olio di mais
80 gr zucchero
300 gr di farina
1 bustina di lievito
1 bustina di vanillina
Per il ripieno
1 chiara d'uovo
90 gr mandorle
90 gr cioccolato fondente triturato
zucchero a velo
Impastare e fare riposare per mezz'ora in frigo, stendere in due rettangoli. sbattere la chiara d'uovo e spalmarla sui rettangoli cospargere di mandorle e cioccolato, arrotolare e tagliare in fette di circa 1 cm, infornare , dopo cotti cospargere di zucchero a velo

Petali di rosa.
 300 gr di farina
1 uovo
60 ml di birra
1/2 tazzina di zucchero
1/2 bustina vanillina

Impastare fare riposare per mezz'ora in frigo, tirate la sfoglia, io ho utilizzato l'apposita macchinetta posizionata sul 5, la sfoglia deve essere molto sottile, tagliare tre cerchi di misure concentriche posizionarle una sull'altra usando un po di acqua per farle attaccare,praticare dei piccoli tagli sui cerchi sovrapposti, friggere, alla fine mettere nel centro nutella o marmellata.
Attenzione la pasta mentre impastate risulterà molto dura, non preoccupatevi deve essere così.

L 'unica ricetta che ho fotografato, perchè proprio mi scordo di documentare i passaggi di ciò che preparo, è quella dei petali di rosa.
Buon Natale

venerdì 16 dicembre 2011

Divagazioni generiche

Qualcuno mi disse che ho un difetto, quello di essere troppo semplice e sincera, ma si corresse subito dopo, restando un po smarrito.
Dal suo smarrimento ho capito che non era abituato a sentirsi rispondere sinceramente. Non gliene feci una colpa, ma quella frase mi ha fatto riflettere.
La maggior parte di noi non si fida di nessuno.La cosa più banale è che tutti abbiamo un alibi per questo, imputiamo la colpa alla società. Il collega che ti frega, gli amici opportunisti, i parenti serpenti, il patner bugiardo, gli uomini maschilisti, le donne velenose, il blogger presuntuoso, e via discorrendo...
Ma noi cosa siamo? Abbiamo provato ad eliminare per primi questi comportamenti che valutiamo sbagliati?
Dare il beneficio del dubbio, non polemizzare, chiedere prima di saltare alle conclusioni?
Oggi leggevo un post, che non avrei dovuto leggere, ho trovato una frase che non mi era chiara, la prima cosa che mi è venuta da fare è stata chiedere l'interpretazione esatta dell'autore, magari sono passata per idiota o per ingenua, ma non era importante per me, prima di tirare conclusioni bisogna capire e sentire le ragioni dell'altro. Questa regola la applico nella realtà e anche qui su queste pagine.
La cosa che più mi irrita è dare per scontate le cose, se un uomo fa un apprezzamento su una donna è un semi-maniaco, mi irrita che si pretenda che le donne difendano d'ufficio le altre donne, mi irrita che se si commenti e si parli con disinvoltura di sesso si debba passare per una facile, mi irrita che per il solo fatto di possedere una laurea alcune persone si ritengono superiori ad altre, mi irritano gli estremismi applicati sia alle persone che alle religioni o altro.
Meglio che concluda l'elenco delle cose che mi irritano, perchè qualcuno potrebbe pensare che viva perennemente incazzata, non è vero! Non so come e non so perchè , ma tutto questo lo accetto con la consapevolezza che tutti abbiamo dei limiti, che sbagliamo e che il più delle volte lo capiamo in un secondo momento.

mercoledì 14 dicembre 2011

Consigli per gli acquisti 2

Consigli per gli uomini.
In realtà ne basterebbe uno : essere come un cane (nel senso buono s'intende!)
- Se avete litigato non aspettatevi mai di avere l'ultima parola, tenete la bocca chiusa, non pensate di far bene dicendole hai ragione , lei è subdola crederà che state ironizzando.
- Quando volete fare pace con lei, giusto perchè dopo tre giorni gli ormoni reclamano di essere liberati, non fatele capire che volete fare sesso, giratevi dall'altra parte, sarà lei che stizzita vi cercherà .
-Se pensate che la discussione che state facendo è dovuta all'incomprensione avuta mezzora prima, vi sbagliate lei ha innescato la retromarcia  sta discutendo di un fatto avvenuto l'anno prima.
- Se lei ti parla fingi interesse, non guardare la tv ma guardala in faccia, dopo mezzora se va bene si sarà stancata.
-  Se ti dice ti devo parlare e tu non hai proprio voglia di ascoltarla, proponile di andare a fare un giro in macchina, puoi far finta che sia l' autoradio, non sei costretto a guardarla e ti puoi sempre fermare davanti ad un centro commerciale ;)
- Se aspetti il fine settimana per poter dormire un po di più, non prenderla storta se ti caccia dal letto perchè deve fare le grandi pulizie, proponile che l'aiuti tu il pomeriggio, sempre che poi non ti debba parlare e sei costretto a portarla a fare shopping!
- Se ti dice mi preparo in un minuto, sai già che hai tempo per pisciare, prendere un caffè, scendere a comprare un giornale, leggere tutta la la pagina sportiva, tirare fuori la macchina dal garage, fare due giri dell'isolato perchè non puoi restare più in doppia fila , rimettere la macchina in garage risalire e trovarla ancora     indecisa su quale maglia indossare sulla gonna  che finalmente ha scelto dopo aver svuotato l'armadio sul letto.
-Se guarda il suo settimanale , sospira e ti dice : ma perchè non ti fai pure tu la tartaruga? Non vuol dire che devi andarne a comprare una vera ,ma che devi iscriverti in palestra, ma non provare a dirgli tu la stessa cosa, non ti perdonerà mai!
- Se non avete buona memoria segnatevi tutto, compleanno, onomastico, anniversario e mestruazioni
- Se durante un rapporto vi scappa un :oh yeah ...e lei ti chiama Rocco, è fatta è la donna giusta, e che importa se passa davanti alla tv durante la partita, se parla in continuazione, se suoi parenti sono ok e i tuoi tutti pessimi, se a sgobbare tutto il giorno a suo dire è stata solo lei.
Che importa se tu sei davvero il solito distratto, se riesci a fare solo una cosa alla volta, se non hai ancora capito che per preliminari lei non intende la carezza sulla coscia di 5 minuti, ma l'atmosfera generale , magari aver passeggiato mano nella mano, un tuo sguardo dolce durante la serata, un complimento buttato li con tenerezza.
Strane alchimie.
Pregi e difetti umani che si compensano in una coppia, grazie ad un solo ingrediente l'amore.

martedì 13 dicembre 2011

Consigli per gli acquisti

Consigli per le donne
- Se il vostro uomo indossa solo felpe e jeans , non ostinatevi a regalargli giacche e cravatte, penserà che vi siete innamorate del commesso del negozio.
- Se la mattina si alza dal letto e si sdraia sul divano, non è perchè è pigro, lo avete fatto stancare molto durante la notte.
- Se ha dimenticato la data del vostro primo bacio, non è una tragedia, è solo nella media
- Se nei primi tempi non ti baciava se non dopo aver lavato i denti almeno due volte prima di uscire e masticato 10 mentine, ed ora viene a letto dopo lo spuntino di mezzanotte con l'alito al formaggio, è perchè con te si sente libero di essere se stesso.
- Se hai cambiato taglio e colore di capelli e lui non lo nota è perchè ogni volta che ti guarda negli occhi per lui non esiste altro
- Se durante un rapporto per lui l'unica cosa importante è la potenza, è perchè non sei stata in grado di fargli capire cosa ti piace.
- Se lo mandi al super e ci scrivi pane, latte, carne e rientra con quantità enormi di merce, è perchè tu dovevi scrivere chiaramente  le quantità e poi dimezzarle , perchè si sa loro eccedono sempre.
- Se durante la notte , senti sotto le coperte un odore nauseabondo e lui dice che non proviene da una scorreggia fatta da lui, tu non insistere magari sei stata tu o il vibra rimasto tra le lenzuola.
- Se non trova i calzini e le mutande che da anni sono sempre nello stesso cassetto,  la devi smettere di ritrovarglieli al primo colpo,rischi di ferire la sua autostima.
- Se per strada guarda il decoltè delle altre, devi essere felice vuol dire che ancora non è in antropausa.
- Se deve uscire con gli amici o andare in palestra, o semplicemente guardare la partita, non rompergli le scatole trovati qualcosa da fare, magari esci con l'amico che di sport non vuole neanche sentirne parlare, però bada corri il rischio che anche a letto non ami sudare.
L'elenco potrebbe continuare, magari lo lascio aperto e lo aggiorno...

lunedì 12 dicembre 2011

Ricordando Vittorio

Lo scorso anno, di questi tempi passavo molto tempo con lui.
Mi veniva a trovare al lavoro, si fermava a chiacchierare , mi raccontava di come procedevano i preparativi del suo presepe. Quello che stava realizzando era davvero originale, la capanna e le casette erano dei trulli.
Per costruirli stava usando scarti di legno regalatogli dal falegname del quartiere, li tagliava in piccoli segmenti e li incollava con maestria uno sull'altro.Un giorno arrivò con un regalo, una piccola capanna a forma di trullo, dicendomi :Questa è per te !
Vittorio, aveva molto tempo da quando era in pensione, lo passava crescendo le nipotine e dedicandosi ai suoi hobby. Non aveva avuto una vita facile, tanti sacrifici, e purtroppo ultimamente tanti problemi fisici, ma la vita non lo aveva piegato, prendeva tutto con entusiasmo, sempre pronto a cogliere l'occasione che gli si presentava davanti, fosse stata una gita, o una passeggiata in centro,piuttosto che una serata da passare coi suoi cari.
Amava vivere, ma non si accontentava.
Quando  l'ennesima malattia, molto grave , si presentò, mi permessi di dirgli, di non affrontare l'ennesimo tavolo operatorio, c'erano troppi rischi. Ma lui col sorriso sulle labbra mi rispose che vivere e non poter godere di quel poco che finora aveva avuto, non gli interessava, meglio morire in sala operatoria se era destino.
Non morì in sala operatoria e nemmeno per l'infarto sopraggiunto pochi giorni dopo, morì dopo mesi di sofferenza senza quel sorriso che ero abituata a vedere.
Lo sto pensando intensamente da quando ho tirato fuori gli addobbi di Natale.La sua capanna l'ho sistemata su una mensola della cucina, passo e rivedo il suo sorriso.
Chissà forse ora passeggia e fa il presepe insieme agli angeli .
Ciao Vittorio.

venerdì 9 dicembre 2011

EDS del ponte Di Donna Camel

EDS del ponte di Donna Camel qui le regole

Ho giocato anche stavolta , perdonatemi o voi che leggete!



Scrivere.
Per alcuni è una necessità, a volte superiore a quella di leggere, già qui ci sarebbe da approfondire parecchio.
Si seguono corsi di scrittura creativa ,  per imparare regole come l'uso  dei sinonimi  , una frase assume un significato a secondo di questo,se scrivi ti tiro una PIETRA in testa anzicchè un ciottolo raggiungi più efficacemente l'obbiettivo di descrivere non solo l'azione ma anche l'implicazione del gesto stesso.
Molti aspiranti scrittori seguono corsi a iosa, non riuscendo tuttavia a scrivere più di due pagine prima di sentirsi dei falliti.
Non è l'ASSENZA di idee a frenarli, ma la convinzione di poter fare di meglio.
Forse questo è il problema maggiore di questa nostra epoca, si è perennemente insoddisfatti o così pieni di noi stessi , da non sapere più vivere  con lo SPIRITO giusto: godere di quanto si ha e si riesce a fare.
La maggior parte di noi ad un certo punto della vita si ritrova in GINOCCHIO, non riuscendo a capire quale sia la direzione da dare alla propria esistenza.
Se per anni abbiamo lasciato alle  ambizioni la guida di tutte le nostre azioni, per sentirsi come un TRONCO apparentemente sano e forte, ma in realtà vuoto perchè tarlato , è un buon segno, vuol dire aver riconosciuto il pericolo ed iniziare a contenere il DANNO.


Hanno aderito all'iniziativa:
Dario
Hombre
La carta
Mai Maturo
La Donna Camel
Anonimo
Anonimo 2
Elenco in aggiornamento ....

giovedì 8 dicembre 2011

dormire al polo nord

Odio il freddo.
Ho sempre detto che se davvero esiste un Dio, con me ha saputo benissimo cosa fare, mi ha piazzato al sud.
Ma nonostante tutto , ho freddo. Penso di soffrire di ectotermia, in parte ne ho la conferma in estate quando riesco a restare sdraiata sotto il sole per ore. Sono cazzi quando entro in acqua per nuotare, la temperatura si abbassa di colpo , tutti i peli si drizzano...vabbè tutti è un eufemismo visto che estirpo tutte le erbacce! Comunque ho reso l'idea.
Tutto sto preambolo perchè ancora rido da ieri sera.
Andare a letto è la parte più deliziosa della giornata, ( ok, ora che li avete fatti cancellate quei pensieri) , finalmente si stacca col mondo, lavoro, stress, preoccupazioni si resetta tutto e finalmente si riposa.
Prima della delizia , per me c'è la tragedia.... Mi devo spogliare!
Venti minuti prima inizia la trattativa con me stessa,
-dai si va
- no, altri cinque minuti
- ho sonno
- brrrrrr non ho voglia di spogliarmi
- cazzo perchè non ho messo il pigiama  appena finito di cenare?
- ok vado 1,2,3,4, 5, 6, 7,
- uffff
- ok ok ok cazzo che freddo
 In camera inizia l'immane opera.
Prendo il pigiama lo preparo sul letto nel verso giusto , scosto le coperte.
Ieri sera a guardarmi procedere nell'opera c'era mio marito che mi aveva preceduto in camera.Si è messo comodo per assistere alla scena, lo fa spesso, per lui è come se vedesse la scena madre di un film tra il comico e il tragico, e cazzo se si diverte.
Menzione a parte merita il pigiama.
In pile robusto, almeno tre taglie più grande , se non è munito di babbucce corredate utilizzo calzettoni in tinta.
Ok vi concedo l'altro pensiero....fatto ? Vi rispondo non uso super attack si leva tutto all'accorrenza.
Predisposto tutto per benino inizio a spogliarmi, maglione, reggiseno, e via velocemente ad infilarmi la parte superiore del pigiama, brrrrrrrrr, pantaloni brrrr e veloce come la luce salto in quelli del pigiama, levo le calze ed infilo le altre brrrrrrrrr , prima che entri nel letto mio marito mi fa tutto serio:
-che ora sono ?
- perchè?
- vedo che stai uscendo , dove vai ?

martedì 6 dicembre 2011

Filosofia di vita

A volte mi perdo in filosofie strambe, ma poi non così tanto in realtà.
Ecco mi chiedevo cos'è la realtà?
Dopo varie riflessioni ho concluso che la realtà non esiste, se non nel tempo necessario in cui un azione si conclude.
Siamo limitati per via di tante circostanze, educazione, morale, ambiente e persone che ci circondano, cambiando le variabili, anche noi cambiamo, ciò che prima era inaccettabile diventa normale.
Qui entra in gioco la variabile più difficile da controllare l'accettazione del proprio io . Accettare che i propri orizzonti si espandano, così come si espande la realtà , o meglio le realtà che ci circondano, è cosa ardua.
Inizia una lotta tra desiderio e resistenza, e la tentazione di rifugiarci nel porto tranquillo del non cambiamento, è forte.
Allora ci si abbandona, a volte per anni, nell'illusione del va tutto ok, salvo le volte sempre più frequenti in cui, dai meandri sotterranei del proprio io , si leva quel sussurro di insoddisfazione che va via diventa un urlo.
Non si può ignorare un urlo.
Inizia il percorso del cambiamento, l'accettazione di quello che si è , a fare ciò che si sente giusto e non a fare la cosa giusta. Ciò che è giusto per se non è giusto per tutti, l'importante è rispettare gli altri , non giudicare, non sentirsi ingabbiati dagli eventi, ma viverli con consapevolezza.

domenica 4 dicembre 2011

Ho creato il mio albero di Natale

Come avevo già scritto per ammazzare il tempo che non avevo, mi sono dilettata a creare gli addobbi per l'albero di natale.
Palline di spago
Spago da cucina, porporina, colla vinavil, acqua, palloncini e nastro di tulle.
Ne ho preparato 13, gonfiati i palloncini che per poco mi veniva un ernia tanto erano piccoli, ho legato lo spago intorno ,passata la vinavil diluita con acqua e lasciati asciugare. Il giorno dopo con un po di colla ho fatto aderire allo spago la porporina e confezionato un fiocco da mettere su ogni pallina.
Fiori di stoffa
Per fare i fiori ho riciclato un pezzo di stoffa-non stoffa, in cui lo scorso anno era confezionato un panettone. Ho ricavato dei cerchi , li ho piegati e cuciti 5 di essi uno dietro l'altro con filo ed ago, al centro ho incollato un cerchio della stessa stoffa ricoperto di porporina.
Fiori fantasia
Ho utilizzato i rotoli di carta igienica. Li ho spruzzati con vernice lilla, ma poi mi sono resa conto che avrei potuti lasciali al naturale, tanto in corso di lavorazione ho cambiato idea e li ho trasformati. Ho tagliato striscioline di cotone idrofilo, li ho colorati con le tempere molto diluite e li ho fatti asciugare. Una volta asciutte le ho incollate sui fiori formati spillando i rotoli tagliati a in cerchietti di circa un centimetro e mezzo. Ho riempito i petali con ovatta, spolverizzando con la porporina e fili di capelli tagliati da una parrucca (l'ho battezzata lady Gaga)
Stelle di pannolenci
Ho da un pezzo di panno lenci ho ritagliato dei quadrati 8 per 8, praticando dei tagli simmetrici. Per unire le estremità tagliate invece della spillatrice, per renderli esteticamente più carine ho usato il biadesivo. La tecnica non è difficile su internet ci sono dei tutorial molto ben fatti. Anche su queste stelle ho spolverizzato porporina e fatto aderire dei piccoli strass.
Palline di polistirolo con ritagli
Infondo ad uno scatolo ho ritrovato delle palline di polistirolo usate da mio figlio a scuola , penso alle medie, facendo i conti erano li da circa 9 anni o più, ho un difetto tendo a conservare le cose...
Comunque le ho prese, ho incollato su del cotone ,con un uncinetto ho inserito i ritagli di stoffa con cui avevo confezionato i fiori seguendo i contorni delle sfere. Anche qui spolverizzo la porporina.
Lady Gaga 
La parrucca di lady gaga mi è servita per creare dei ciuffi fermati con dello scotch prima di tagliarli, per inserirli nell'albero a formare della cascate di fili colorati. Mi dispiace per chi mi aveva chiesto la parrucca...è un po pelata, penso sia meglio che ti tieni la tua :)
Ho comprato dei rametti per abbellire il tutto aggiungendo un gomitolo di lana  a ponpon (non so come si chiami esattamente comunque ha delle palline :) )
Ho fatto un video eccolo
video

sabato 3 dicembre 2011

Oltre la poesia ...

Io ti amo,
 ti amo di un amore che non è possesso.
Non ti chiedo la luna,
ma la possibilità di guardarla insieme a te.
anche se da posti diversi.

venerdì 2 dicembre 2011

Progetti a lungo termine

Tra casini, stress, documenti, fatture , ricevute, fornitori, avvocati, commercialisti, casa e figli, sto creando gli addobbi per l'albero di natale.
Colla,forbici, stoffa, rotoli di carta igienica,spago,nastro e brillantini , persino una parrucca stile lady gaga.
Stanno venendo uno spettacolo, posterò le foto.
Intanto oggi ho aperto l'albero, perchè lo uso rigorosamente sintetico, che uso e riciclo per anni, fino a quando il poverino non si regge più. Devo rendermi conto se ho preparato abbastanza addobbi.
Ultimo acquisto che farò domenica al mercato sarà un gomitolo di lana .....non mi prolungo,vedrete.

Devo custodire  fatture e documenti vari per dieci anni , magari scaduti i termini ci farò la cartapesta, dite che è buona per l'uso?